venerdì 19 ottobre 2018

cerca nel sito
I NOSTRI SERVIZI
I NOSTRI SERVIZI » POLITICHE COMUNITARIE
La globalizzazione del mercato ha dato la possibilità a ogni agricoltore e OP di poter commercializzare il suo prodotto in altri stati europei e non, ricavandone notevoli vantaggi a livello economico. La globalizzazione del commercio agricolo ha permesso a molti produttori del sud Italia di far conoscere il proprio prodotto a livello europeo e mondiale senza una specifica denominazione; l’assenza di una specifica denominazione ha fatto sì che si verificassero casi di concorrenza sleale in cui alcuni produttori vendevano prodotti imitando o copiando i nomi di altri prodotti più blasonati. L’Unione Europea nel 1992 per porre fine a questa situazione di confusione del mercato ha realizzato dei marchi identificativi per la tutela dei produttori e dei consumatori, i marchi sono:
  • DOP
  • IGP
  • STG (specialità tradizionale garantita)

DOP ( Denominazione di Origine Protetta), identifica la denominazione di un prodotto la cui produzione, trasformazione ed elaborazione devono aver luogo in un'area geografica determinata e caratterizzata da una perizia riconosciuta e constatata.

IGP (Indicazione Geografica Protetta), il legame con il territorio è presente in almeno uno degli stadi della produzione, della trasformazione o dell'elaborazione del prodotto. Inoltre, il prodotto gode di una certa fama.

STG (Speciliatà Tradizionale Garantita), non fa riferimento ad un'origine ma ha per oggetto quello di valorizzare una composizione tradizionale del prodotto o un metodo di produzione tradizionale.

Affinché un produttore o un gruppo di produttori possa conseguire un marchio per il suo prodotto deve rispettare una procedura che può essere così riassunta:

  • Un gruppo di produttori deve definire il prodotto sulla base di precise specifiche.
  • La domanda con le specifiche, deve essere trasmessa alla autorità nazionale competente. [pdf].
  • Essa verrà studiata a livello nazionale e sarà quindi trasmessa alla Comunità europea.
  • La Comunità Europea attiverà delle procedure di controllo.
  • Se essa soddisfa i requisiti fissati, una prima pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle Comunità europee informerà tutte le persone interessate nell'Unione.
  • In mancanza di obiezioni, la Commissione europea pubblicherà il nome del prodotto protetto nella Gazzetta Ufficiale della Comunità Europea.
Dal 3 aprile 2006, le domande di registrazione delle DOP e delle IGP da parte di produttori di paesi non comunitari, nonché le obiezioni a tali domande da parte di cittadini non comunitari, possono essere presentate direttamente alla Commissione.
AGRIPROJECT s.r.l. - p.iva 06413490720
Via delle Orchidee, 20 - 70018 Rutigliano (BA) - tel. 080.4771517 - fax 080.8496676

web dev logovia